Un bambino, quando è improvvisamente più affamato e irritabile del solito, potrebbe semplicemente mostrare dei segni di crescita.

Se un giorno il tuo bambino sembra adattarsi alla perfezione a quella dolce tutina, e il giorno dopo le cuciture si sfaldano, potrebbe non essere il tuo occhio addormentato che ti gioca brutti scherzi. I primi 12 mesi di crescita del bambino sono caratterizzati da molti cambiamenti.

Anche se gli scatti di crescita possono verificarsi in qualsiasi momento, è comune che si manifestino in circa 10 giorni, tra le tre e le sei settimane, e più volte dopo. Gli scatti di crescita di tre mesi, così come quelli di sei e nove mesi, sono particolarmente comuni. E quando un neonato colpisce, può essere veloce e furioso; i neonati, infatti, possono aumentare di peso e di lunghezza in sole 24 ore, come dice Michelle Lampl, medico e ricercatore sulla crescita presso la Emory University di Atlanta. Ti stai chiedendo se il tuo piccolo è nel bel mezzo di uno scatto di crescita? Ecco cosa potresti osservare.

1. Dorme come un ghiro (o sta sveglio tutta la notte)

Di giorno, o poco prima di una grande crescita, alcuni bambini dormono più del solito. “Ci sono importanti cambiamenti fisiologici che avvengono durante il sonno e che sono essenziali per la crescita”, dice Peter Nieman, pediatra e assistente professore clinico presso la scuola di medicina dell’Università di Calgary. Non svegliare il bambino per le poppate se non nell’arco della prima settimana e con la consulenza del vostro medico. “Ha bisogno di riposo, e recupererà il latte o il latte artificiale che gli è mancato alla prossima poppata”, dice.

2. Fame in aumento

Alcuni bambini preferiscono il cibo al sonnecchiare durante la crescita. Anche se iniziava a dormire più a lungo di notte, il tuo bambino potrebbe improvvisamente voler mangiare di nuovo 24 ore su 24.

Carrie Fisher, una mamma di due bambini di Toronto, ha notato un enorme aumento dell’appetito della figlia Ramona intorno ai tre mesi. “Sapevo che stava attraversando un periodo di crescita, perché era inconsolabile se non veniva allattata”, dice Fisher. “Ho pensato che ci fosse qualcosa che non andava nella mia scorta di latte, perché non sembrava mai piena”. Se allatti al seno, non preoccuparti: il tuo corpo terrà il passo con l’appetito del bambino. Se però hai delle preoccupazioni reali riguardo alla tua produzione di latte, parlane con il tuo medico.

Assicurati di bere molti liquidi e chiedi al tuo partner o ad un membro della famiglia di aiutarti in tutto ciò che non riesci a fare con un bambino in braccio, perlomeno fino al termine di questa fase di crescita. Se usi il latte artificiale, aumentane la quantità molto gradualmente: c’è comunque un pericolo di sovralimentazione. “Se il bambino inizia a rigurgitare latte più del solito, probabilmente ne sta assumendo troppo”, dice Nieman.

3. Irritabilità

Una frequente irrequietezza può essere normale durante alcuni dei giorni della crescita del bambino. “Può sembrare piuttosto drammatico in quel momento, ma non dura molto a lungo e i bambini si calmeranno al termine dello scatto di crescita”, dice Lampl. Molte coccole e rassicurazioni, nel frattempo, contribuiranno a tranquillizzarlo.

Tutti gli stimoli di crescita dei neonati passano alla fine

Anche se quello slancio di crescita sembra interminabile, arriverà a fine. Nella maggior parte dei casi dura solo un paio di giorni. Non sei convinta che la colpa sia della crescita? I cambiamenti di umore, delle abitudini alimentari e dell’orario del sonno possono anche significare che il bambino si sta ammalando o che ha solo bisogno di un comfort extra a causa di un cambiamento nella sua routine.

Parlane con il tuo medico se sei preoccupata che i suoi sintomi possano essere dovuti a qualcosa di più, ma non stressarti su quanto stia crescendo esattamente il tuo bambino, o quando lo stia facendo. In più, non paragonare la sua taglia a quella degli altri bambini. Ad ogni visita di routine, il tuo medico monitorerà la sua crescita (misurazione della lunghezza, della circonferenza cranica e del peso). “Finché cresce in modo costante e proporzionato, non c’è motivo di calcolare tutto al millimetro”, dice Neiman. “Tutti i bambini crescono al loro ritmo e velocità, perché sanno quello che fanno”.