Molti esperti esprimono delle notevoli preoccupazioni relative alle collane e ai braccialetti per la dentizione in ambra. Ecco cosa c’è da sapere.

Collane da dentizione in ambra

Quando il bambino o il bambino sta mettendo i dentini, a volte quei dentini spuntano senza troppi drammi, ma altre volte ci si ritrova a svegliarsi di notte, a preoccuparsi tutto il giorno e ad avere un bambino irritabile. Non c’è da stupirsi se inizi a cercare modi per aiutarlo a sentirsi meglio. Le collane da dentizione in ambra pubblicizzano un modo naturale per aiutare il tuo piccolo a sopportare il dolore della dentizione. Tuttavia, molti esperti esprimono delle preoccupazioni significative al proposito. Ecco quali sono le cose da sapere.

Cosa sono le collane da dentizione in ambra?

Sono collane con perline d’ambra, a volte con una chiusura magnetica o un altro tipo di chiusura, progettate per aiutare i dolori della dentizione. L’ambra è una sostanza naturale che si crea quando la resina degli alberi si fossilizza. Ci sono diversi tipi di ambra, che prendono il nome dalle regioni in cui si trovano, e uno dei più comuni è l’ambra del Baltico.

Perché si usano collane da dentizione in ambra?

Potresti aver notato che altri bambini le indossano nel tuo gruppo di gioco: sono popolari e ampiamente disponibili, e molti genitori giurano sulla loro efficacia. L’ambra contiene acido succinico, che si pensa abbia proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche. Si ritiene che quando le perline vengono indossate vicino alla pelle, l’acido succinico viene rilasciato nel corpo, fornendo sollievo dal dolore e dalla sensibilità dei denti. In teoria, sarebbe ottimo, soprattutto perché i gel da dentizione per bambini destinati a lenire le gengive doloranti sono stati recentemente rimossi dai negozi canadesi e vietati negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration (FDA).

Le collane da dentizione in ambra funzionano?

Non sembra, come dimostrato da uno studio del 2019. Svolto da ricercatori canadesi e australiani, e pubblicato sulla rivista medica BMC Complementary Medicine and Therapies, ha riportato che l’acido succinico presente nell’ambra del Baltico non viene rilasciato se indossato vicino alla pelle. Inoltre, l’acido succinico non risulta un antinfiammatorio. “Non ci sono abbastanza prove che queste collane funzionino, ma ci sono molte prove della loro pericolosità”, dice Farah Abdulsatar, un pediatra di Londra, Ontario.

Le collane da dentizione in ambra sono sicure?

Ci sono sempre più ricerche che confermano la loro assenza di sicurezza. La Canadian Paediatric Society (CPS), l’American Academy of Pediatrics e la FDA avvertono i genitori e i medici di non usare e prescrivere collane di ambra per la dentizione su neonati e bambini.

Quali sono i rischi delle collane da dentizione in ambra?

Le possibilità di soffocamento rappresentano i rischi principali. “In pratica si ha un cordone ombelicale avvolto intorno al collo di un neonato”, dice Abdulsatar, co-autore di un rapporto per il CPS del 2018 che ha delineato i rischi. In particolare, indica un rapporto su un caso in Nova Scotia. I genitori avevano portato in ospedale un bambino di quattro mesi che mostrava segni di strangolamento al viso e al collo; dopo gli esami del sangue e le indagini, è emerso che era la prima notte che il bambino andava a letto con una collana da dentizione. “La collana si è attorcigliata attorno al collo del bambino per una parte della notte, ostacolando il flusso di aria e sangue alla testa”, dice.

Il suo studio comprendeva anche i risultati di un sondaggio condotto da medici canadesi. Sono stati riportati casi di bambini che hanno ingoiato il fermaglio del magnete, strangolamenti non fatale, soffocamenti da perline e dermatiti da contatto. Fortunatamente, non sono stati segnalati decessi o lesioni gravi in Canada, ma c’è stato almeno un decesso in California e un quasi strangolamento in Australia.

Alcune collane da dentizione in ambra sono commercializzate con chiusure “a strappo” che cedono con una piccola quantità di forza, liberando il bambino se dovesse succedere qualcosa. Tuttavia, uno studio del 2018, condotto in Nova Scotia e pubblicato su Paediatrics & Child Health, ha controllato 15 diverse collane da dentizione acquistate da rivenditori nel Canada atlantico. Le collane sono state testate con un peso di 6,8 kg (lo standard industriale utilizzato per testare i gioielli per bambini) e un peso di 0,7 kg (la quantità di forza necessaria per occludere o bloccare le vie aeree di un bambino). Lo studio ha rilevato che sette delle 15 collane non si sono aperte con 6,8 kg di forza e otto non si sono aperte con 0,7 kg di forza. Gli autori hanno concluso che “queste collane rappresentano un rischio di strangolamento per i bambini piccoli”.

Infine, le collane per la dentizione possono essere una fonte di batteri nocivi raccolti dall’ambiente del bambino. I ricercatori di un ospedale francese hanno testato le collane d’ambra di 27 bambini portati in clinica dermatologica o al pronto soccorso. Hanno così scoperto che tutte le collane presentavano vari tipi di batteri (i batteri vivono naturalmente sulla pelle) e tre recavano i batteri dello Staphylococcus aureus meticillinoso (MSSA), che possono causare infezioni della pelle.

Cosa succede se mio figlio indossa una collana da dentizione in ambra solo quando è sveglio e sotto controllo?

“È difficile tenere d’occhio un neonato o un bambino il 100% delle volte, così si ritorna a considerare i rischi e ai benefici”, dice Abdulsatar. “Ci sono altre cose più sicure che possiamo fare. Lo strangolamento o il soffocamento richiedono solo pochi secondi”.

Quali sono le alternative alle collane da dentizione in ambra?

Abdulsatar suggerisce dei giocattoli solidi da masticare in silicone che si possono mettere in frigorifero o nel congelatore per lenire le gengive doloranti. “Di solito mettiamo in guardia la gente sui giocattoli pieni di liquido, perché i nuovi denti possono bucarli e causarne la fuoriuscita”, dice. Anche la frutta o le verdure surgelate all’interno di uno strumento per l’alimentazione dei bambini (un sacchetto di maglia fine con un manico) sono ammesse. Il dottore dice anche che va bene usare antidolorifici da banco, come il paracetamolo e l’ibuprofene, per i bambini che stanno mettendo i denti; l’importante è seguire le indicazioni sui tempi di assunzione e sul rapporto tra peso corporeo del bambino e dosaggio.