Le prime parole del bambino sono una pietra miliare importante, soprattutto in attesa della prima vera “mamma” o “dada”. Scoprite quando i bambini iniziano a parlare e altro ancora.

È probabile che le prime parole del tuo bimbo si pronuncino dopo qualche mese di sperimentazione vocale e verbale, dal “coos” al “growls”, alle combinazioni cantilenanti di vocali e consonanti. Ma ascoltate attentamente e un giorno la sentirete: la prima parola “vera”. Entro 8 mesi, il vostro bambino probabilmente inizierà a mettere insieme i suoni “ma-ma” e “da-da” senza necessariamente sapere cosa significano. Ma quando quei suoni iniziano a trasformarsi in parole con un significato, è una pietra miliare dello sviluppo che sembra una magia.

Quando iniziano a parlare i bambini?

I bambini iniziano a parlare, cioè a cercare di esprimersi con parole che abbiano un significato, tra i 9 e i 14 mesi. Alcuni bambini perfettamente normali non dicono una parola riconoscibile fino ai 18 mesi, mentre altri iniziano a comunicare con parole o suoni di parole (“ba-ba” per bye-bye, biberon o palla; “da” o “da-da” per cane, papà o bambola) già a 7 mesi. “Da-da” sembra essere leggermente più facile da dire per i bambini che “ma-ma”, quindi non sorprenderti, mamma, se papà (o il cane di famiglia) è il soggetto onorato della prima parola “vera” del tuo bambino.

Come far parlare il tuo bambino

L’acquisizione della lingua inizia con il linguaggio ricettivo, o con la comprensione delle singole parole e dei loro significati. A partire dalla nascita, i bambini ascoltano attentamente le parole e i suoni che li circondano e cominciano a capirne il significato. Entro circa 6 mesi, il vostro bambino comprenderà molto probabilmente le singole parole, come il suo nome, e i nomi di altre persone e di oggetti familiari. Entro pochi mesi dalla comprensione che ci sono parole individuali nascoste in quell’accozzaglia di suoni che sente ogni giorno, il vostro bambino comincerà a sperimentare a produrre suoni propri. Tutto ciò lo avvicina, giorno dopo giorno, a dire la sua prima parola.

Il modo migliore per aiutare il vostro bambino a dire le sue prime parole è parlare con lui – molto! Il vostro bambino sarà ansioso di cogliere i vostri spunti verbali. Raccontate la vostra giornata, descrivendo quello che state facendo mentre vestite il vostro bambino, cucinate la cena o camminate per strada. Parlate i nomi degli oggetti e delle persone. Leggete al vostro bambino, indicando gli oggetti e i loro nomi nelle immagini che vede. Fate domande, intrattenete conversazioni a senso unico – e ascoltate se risponde. Quando fa la voce, sorridete, guardatelo negli occhi e mostrategli che lo state ascoltando. Sarà incoraggiato dalla vostra attenzione – e sarà entusiasta di riprovare.

Altri modi per incoraggiare un bambino a parlare:

Parlare lentamente e chiaramente, e concentrarsi sulle singole parole. Non c’è bisogno di ricorrere al linguaggio da cavernicolo tutto il tempo intorno al bambino, ma rallentare il ritmo mentre sfogliate un libro illustrato, o spiegare in un linguaggio chiaro e semplice quello che state facendo mentre rimettete il libro sullo scaffale, aiuta il bambino a capire e a concentrarsi sulle singole parole.
Utilizzate i nomi piuttosto che i pronomi. Quando possibile, date un nome alle persone di cui parlate piuttosto che usare la stenografia di un pronome: “Questo è il caffè della mamma” o “Ecco l’orsetto di Sarah” sono entrambi più chiari e più facili da capire per i bambini rispetto a “Questo è il mio caffè” o “Ecco il tuo orsetto”.
Canta canzoni e fa rima con rime. Il vostro bambino imparerà preziose conoscenze linguistiche dai semplici ritmi e dalle stupide ripetizioni di filastrocche e canzoni.
La ripetizione è il vostro amico. La ripetizione è vostra amica. (Capito?) Dire cose non una ma due volte, cantare le stesse canzoni più e più volte, indicare lo stesso vaso di fiori ogni volta che lo si passa per strada… tutta questa ripetizione, per quanto noiosa possa sembrarvi, è incredibilmente interessante per il vostro piccolo, poiché aiuta a rafforzare la crescente comprensione del vostro bambino su come un particolare suono si attacca a una particolare cosa – in altre parole, su cosa significano davvero le singole parole.

Cosa non deve preoccuparsi

Quando si tratta di parlare, la finestra di ciò che è considerato “normale” è spalancata. Il vostro bambino può iniziare a usare parole come “mi” per “latte” o “dat” per “quello” (come in “voglio quello!”) già a partire dai 7 mesi. Oppure il vostro bambino potrebbe non iniziare a dire parole o parole-suoni fino a 18 mesi. Che ci crediate o no, è altrettanto appropriato ascoltare le prime parole di un bambino a una delle due estremità di quella fascia d’età – o a qualsiasi età intermedia. Ogni bambino si sviluppa al proprio ritmo.

Cosa c’è dopo per il bambino

Molto prima di pronunciare le sue prime parole, imparerà a capire le parole, ma la comprensione dei concetti e delle direzioni richiede un po’ più di tempo. A volte intorno al primo compleanno (spesso prima), la maggior parte dei bambini può iniziare a seguire semplici comandi, ma solo se vengono impartiti un passo alla volta. Il vocabolario del vostro bambino inizierà probabilmente ad esplodere intorno al mese 18, e potrebbe essere in grado di mettere insieme una frase all’età di 2 anni.