Il tuo bambino è grande come una piccola zucca.

La fine della gravidanza

Questo è il momento che tu e il tuo bambino stavate aspettando! Alla quarantesima settimana di gravidanza, siete alla fine ufficiale della gravidanza. Il vostro bambino probabilmente peserà da 6 a 9 libbre e misurerà tra i 19 e i 22 pollici – anche se tonnellate di bambini perfettamente sani nascono più piccoli o più grandi.

Voi, o in realtà la placenta, state ancora fornendo gli anticorpi di cui avrà bisogno per combattere le infezioni per i primi sei mesi di vita, ma se avete intenzione di allattare, il vostro latte le darà più anticorpi per rafforzare il suo sistema immunitario – in particolare il colostro, un sottile precursore giallastro del latte materno che è super ricco di anticorpi e nutre il vostro bambino per i primi giorni dopo il parto.

Di quanti mesi è incinta di 40 settimane?

Se sei incinta di 40 settimane, sei al 9° mese di gravidanza. È quasi ora! Avete ancora delle domande? Ecco altre informazioni su come si suddividono le settimane, i mesi e i trimestri della gravidanza.

Visione del bambino alla nascita

La prima cosa che cercherete quando il vostro nuovo arrivato vi farà fare quell’entrata drammatica – e possibilmente in ritardo di moda -: la prova che il vostro bambino è in realtà un maschio o una femmina. Quel grande mistero risolto una volta per tutte, noterete anche che il bambino, oltre ad essere carino come può essere, indossa un piccolo avanzo di polvere da viaggio composto da sangue, vernix, lanugine e liquido amniotico.

Dal punto di vista del vostro bambino, sembrerete un po’ sfuocati – alla nascita, la visione centrale del bambino è ancora in fase di sviluppo – ma va bene così. Assicuratevi solo di salutare il vostro nuovo arrivo, perché molto probabilmente il vostro bambino riconoscerà il suono della vostra voce e quello del vostro partner.

Il vostro neonato adorerà essere fasciato

Noterete che la vostra piccola è ancora accartocciata in posizione fetale, anche se le sue braccia e le sue gambe si possono agitare un po’. Questo perché dopo nove mesi in ambienti così angusti, ci vorrà un po’ di tempo prima che il vostro bambino si renda conto di avere spazio per distendersi. E poiché è l’unica posizione che conosce veramente, è confortante stare in questa posizione. È anche per questo che a molti neonati piace essere fasciati – ricorda loro il tuo utero.

Il tuo corpo alla quarantesima settimana

Andrà oltre la data di scadenza?

Quando il tuo corpo saprà che è il momento di far nascere questo bambino? Solo perché la data del parto è segnata con una penna sulla cartella clinica e un pennarello rosso sul calendario non significa che Madre Natura abbia ricevuto il promemoria.

Circa il 30% di tutte le gravidanze durano più di 40 settimane, e nessuno indovina quando potrebbe finire la tua. Per fortuna, il vostro medico probabilmente non lascerà passare più di 41 settimane.

Quando (e se) le si romperanno le acque

Un evento che non è garantito prima dell’inizio del travaglio è la rottura delle acque – la rottura del sacco amniotico che circonda il vostro bambino negli ultimi nove mesi.

A questo punto, avrete senza dubbio perso una notte o due di sonno su quando e dove accadrà. Probabilmente avete sentito o visto storie dell’orrore su un momento e un luogo scomodo – no, rendetelo umiliante – in cui si sono rotte le acque di qualcuno, come nel bel mezzo di un marciapiede affollato all’ora di pranzo o in un centro commerciale affollato il sabato mattina. Ma il vostro reality show sarà probabilmente un po’ diverso.

In primo luogo, meno del 15 per cento delle donne sperimenta una rottura delle membrane prima dell’inizio del travaglio, e in secondo luogo, se l’acqua si rompe in pubblico, è meno probabile che si tratti di un maremoto torrenziale e più probabile che si tratti di una lenta perdita, di un gocciolamento o di un piccolo zampillo.

Una cosa di cui si può essere abbastanza sicuri se l’acqua si rompe prima che le contrazioni siano iniziate: Il travaglio inizierà probabilmente entro 24 ore. Oppure il vostro medico lo inizierà per voi entro 24 ore.

Come si fa a capire se il sacco amniotico si è rotto? Il liquido amniotico è solitamente incolore e inodore. Se notate un liquido che sembra giallastro e odora di ammoniaca, probabilmente state perdendo urina. Un altro test: Potete cercare di arginare il flusso del liquido strizzando i muscoli pelvici (esercizi di Kegel). Se il flusso si ferma, si tratta di urina. Se non si ferma, è liquido amniotico.

Se vi si rompe l’acqua e il liquido è verde o marrone, assicuratevi di chiamare subito il vostro medico. Potrebbe significare che il vostro bambino ha avuto un movimento intestinale (meconio) nell’utero.

Dimensioni del bacino

Molte donne condividono l’infondata paura di non poter mettere al mondo il loro bambino. Non sembra plausibile che qualcosa di così grande – un’anguria di 6 o 7 chili e più – possa spremere attraverso uno spazio così piccolo, ma è esattamente ciò che accade la maggior parte delle volte.

Che siate più grandi, più piccoli o di qualsiasi dimensione in mezzo, è quanto è grande il bacino – non il telaio – che conta. Madre Natura sa quello che fa, e la maggior parte dei neonati sono abbastanza ben assortiti con le dimensioni delle loro madri. Quindi, se hai le ossa piccole, è molto probabile che tu non porti in grembo un bambino di sumo.

E anche la tua vagina sa cosa fare: si allunga notevolmente durante il parto e poi, miracolosamente, si stringe di nuovo. Potete aiutare questo processo facendo i vostri Kegel fedelmente sia prima che dopo il parto. Anche la vostra bambina sa cosa fare – modellando la sua testa ancora duttile per adattarsi a quella stretta stretta. Quindi non preoccupatevi!

Sintomi della gravidanza alla quarantesima settimana

Braxton Hicks contrazioni
Vi state chiedendo se le contrazioni che sentite questa settimana sono le contrazioni di Braxton Hicks o quelle reali? Se non aumentano di frequenza o di gravità o se si attenuano quando si cammina o si cambia posizione, allora probabilmente sono solo contrazioni di pratica.

Cambiamenti nell’attività fetale
Anche se i movimenti del vostro bambino possono essere cambiati o anche rallentati un po’, dovrebbe comunque muoversi lì dentro. Quanto è normale il movimento? Dovrebbe essere in grado di contare 10 battiti, oscillazioni o rotazioni all’ora.

Dilatazione cervicale o effacemento
Anche se non sentirete la cervice aprirsi o diradarsi, probabilmente accadrà questa settimana. La dilatazione si misura in centimetri e l’effacement in percentuale; dopo un esame interno, il vostro medico vi darà probabilmente le misure. La cervice continuerà a dilatarsi e ad effervescere attraverso un travaglio precoce e attivo.

Diarrea
L’intestino prende un colpo durante la gravidanza – e sembra che passi da pigro a sciolto. Questa settimana, i movimenti intestinali sciolti possono essere un segno che il travaglio è imminente.

Dolore pelvico
Se il vostro bambino è caduto questa settimana, la sensazione di disagio nel bacino può essere ricondotta alla piccola testa di qualcuno che urta contro i fianchi e la vescica. Se ne avete il tempo, programmate un massaggio con un massaggiatore prenatale certificato; lenirà il disagio.

Crampi alle gambe
Anche se nessuno sa davvero cosa causa questi dolorosi spasmi alle gambe, è una buona scommessa che portare in giro tutto quel peso della gravidanza – soprattutto questa settimana! – sia un dolore alle gambe. Quando uno spasmo colpisce, flettere delicatamente la caviglia e le dita dei piedi verso lo stinco può aiutare.

Insonnia
Per quanto sia allettante provare gli integratori a base di erbe o altri ausili per il sonno da banco, non fatelo. Chiedete invece al vostro partner un massaggio rilassante.

Istinto di nidificazione
I cambiamenti nel livello di energia sono piuttosto comuni questa settimana. Forse sei stato colpito dall’istinto di nidificazione o forse hai solo una voglia di crollare davanti alla TV e di vegetare fuori. Non preoccupatevi – entrambi sono del tutto normali, così come l’alternanza dei due stati.

Consigli per voi questa settimana

Chiedi informazioni sull’induzione del lavoro
Parlate con il vostro operatore sanitario per sapere quando, perché e come potrebbe voler indurre il travaglio. A meno che non ci siano ragioni sanitarie o mediche per indurre il travaglio, in genere non è raccomandato prima della 39a settimana di gravidanza.

Aggiungere il ferro
Nel caso non l’abbiate sentito, il lavoro richiede resistenza – e molta. Per essere sicuri di essere il piccolo motore di lavoro che potrebbe (e può), dovrete assicurarvi che la vostra presa di ferro sia all’altezza. (Una carenza di ferro può causare affaticamento extra – qualcosa che non vorrai portare con te in sala parto). Continuate a cercare il ferro nella carne rossa, nei fagioli, nei piselli, nelle verdure a foglia verde scuro, nei cereali arricchiti con ferro, nella frutta secca, nelle noci e nel pane integrale – e ricordatevi di prendere i vostri alimenti di ferro (e il vostro supplemento di ferro extra, che dovreste comunque prendere) insieme a una fonte di vitamina C e calcio per un migliore assorbimento.

Rasarsi in modo sicuro
Ti senti un po’ più peloso in questi giorni? Rasate quelle gambe con cautela (e un sacco di gel da barba anti scalfittura), dato che (a) il vostro equilibrio potrebbe essere spento e (b) probabilmente non riuscite a vedere oltre la pancia. Assicuratevi che il rasoio che usate sia nuovo, in modo da avere meno probabilità di prelevare il sangue. Un no-no assoluto: radersi sotto la doccia, dove un errore potrebbe essere grave.

Andate a fare un bagno
Sfidate la gravità e date al vostro corpo una pausa da tutto il peso extra galleggiando in un bagno caldo o in una piscina. Evitate però la vasca idromassaggio. Potete rientrare presto!

Fate un mini allenamento
Non avete l’energia per una sessione di sudorazione completa? Fate un mini allenamento. Giratevi da un lato all’altro, girando lentamente in vita, lasciando che le braccia oscillino liberamente (facendo attenzione a non colpire nessuno). Potete anche stringere il sedere e tenere premuto per un conteggio di due, poi rilasciare. Provate a fare 15 o 20 oscillazioni delle braccia e a stringere il sedere – farà passare il tempo e tonificherà anche i muscoli.

Tenetevi occupati
Un bambino nel cervello? È difficile pensare a qualcos’altro quando la data del parto è arrivata e se n’è andata – una settimana fa. Ma sapete cosa si dice di una pentola sorvegliata – quindi, nel tentativo di tenere la mente lontana dal vostro bambino in ritardo e di tenervi occupati, cercate di avere qualcosa in programma ogni giorno (e guardare il ticchettio dell’orologio non conta!).

Fate una passeggiata (che potrebbe anche aiutarvi a far ripartire le contrazioni), dedicate un po’ di tempo alla cura di voi stessi (potreste non averne la possibilità una volta che il bambino è a bordo), guardate un film o due, assicuratevi che il vostro frigorifero e il freezer siano riforniti di pasti pronti. E dite ai vostri amici e familiari di smettere di chiamare ogni giorno: Ricorda loro che nessuna notizia è… nessuna notizia.

Rimanete rilassati
Naturalmente siete eccitati e nervosi, ma è importante cercare di rilassarvi il più possibile durante la prima fase del travaglio – dovrete risparmiare le forze per il futuro.

Se è notte, fate quello che potete per dormire; quando le contrazioni diventano più insistenti, non ci riuscirete. Se è giorno, tenetevi occupati. Cucinate qualche piatto in più da aggiungere alla vostra scorta del freezer, piegate qualche vestito da neonato e fate il resto del bucato in modo da poter tornare a casa in un cesto vuoto. Presto si riempirà di nuovo!

Potete anche provare a fare una passeggiata (o un dondolio), che potrebbe anche far aumentare le contrazioni di una tacca. Basta non allontanarsi troppo da casa e non andare da nessuna parte senza un cellulare. Mangiate uno spuntino leggero se avete fame, ma evitate i cibi grassi e non mangiate troppo.

Non preoccupatevi delle contrazioni ossessivamente temporizzate a questo punto – vi annoierete e vi sentirete frustrati – ma controllate periodicamente se si stanno avvicinando.

Infine, assicuratevi di usare spesso il bagno – una vescica piena può ostacolare il travaglio. La maggior parte delle donne, e i loro allenatori nervosi, andranno all’ospedale quando la prima fase del travaglio terminerà e la seconda fase inizierà.