Se durante la gravidanza sentite formicolio o mani intorpidite, potreste avere un tunnel carpale.

Quando si è incinta, tutto è scomodo, e può essere difficile fare le attività quotidiane più elementari – anche dormire e respirare! E, scusate, ma c’è un’altra cosa da aggiungere alla lista delle cose che potrebbero infastidirvi durante la gravidanza: la sindrome del tunnel carpale. Se ti sei svegliata con una mano intorpidita di notte, potresti averla. Ecco il motivo per cui succede e cosa si può fare.

Cos’è la sindrome del tunnel carpale?

La sindrome del tunnel carpale è quando il nervo mediano, che passa dal collo, attraverso la spalla fino alle dita, viene compresso all’interno del tunnel carpale – letteralmente un tunnel tra i legamenti e le ossa nella zona del polso.

Cosa causa il tunnel carpale durante la gravidanza?

Se avete familiarità con la sindrome del tunnel carpale, probabilmente pensate che sia causata dalla digitazione per lunghe ore al computer. Durante la gravidanza, tuttavia, la CTS può essere causata da o, se preesistente, esacerbata dalla ritenzione di liquidi che è comune prenatale. “Se c’è accumulo di fluido e/o tenuta nel [tunnel carpale], il nervo viene schiacciato per primo perché è la struttura più morbida”, dice Angela Growse, una fisioterapista del Rebirth Wellness Centre di Londra, Ont. specializzata in mamme e future mamme.

Tuttavia, poiché il nervo mediano corre lungo tutto il percorso dal collo, i problemi più in alto possono manifestarsi nel polso o nella mano, dice Growse, anch’essa madre di due figli. “Quando il seno diventa più grande, si stringe, le spalle si stringono, le spalle si arrotondano di più, si è stanchi, forse si va in quella posizione con il mento in fuori”.

La sindrome del tunnel carpale può verificarsi in qualsiasi momento durante le 40 settimane di gravidanza, ma, secondo uno studio condotto nei Paesi Bassi, gli eventi sono significativamente più elevati dopo 32 settimane. (Il 34 per cento dei partecipanti allo studio ha riportato sintomi di CTS durante la gravidanza).

Cosa si prova con la sindrome del tunnel carpale?

“Di solito nel tunnel carpale si perde la sensibilità del pollice, dell’indice e del dito medio, perché è l’apporto primario del nervo mediano”, dice Growse. Potresti sentire intorpidimento o formicolio, o avere una presa indebolita. Potresti anche sentire una sensazione di bruciore o un profondo dolore al polso.

Quali rimedi per il tunnel carpale della gravidanza sono sicuri da provare?

Growse offre diverse opzioni per gestire i sintomi: Ridurre al minimo l’assunzione di sale e bere molta acqua (leggete di più su quanta acqua dovreste bere esattamente durante la gravidanza) per ridurre la ritenzione idrica; praticare una buona postura (al meglio); e provare i bagni di acqua fredda per la mano. Growse si è rivolta personalmente al nuoto durante la sua ultima gravidanza: “A causa della pressione idrostatica ovunque, aiuta davvero con i fluidi”, dice.

Altre tattiche: Esercizi delicati di rafforzamento della presa, che possono aiutare a pompare il fluido fuori dalle mani, dice Growse. Così come i massaggi retrogradi delicati: “Spazzare dalle dita verso l’alto verso le ascelle, dove i linfonodi possono elaborare il fluido in eccesso”.

In casi gravi, può essere necessario un tutore per il polso, una fisioterapia o un’agopuntura.

Quando scomparirà la sindrome del tunnel carpale indotta dalla gravidanza?

Per la maggior parte delle persone, la sindrome del tunnel carpale dovrebbe dissiparsi rapidamente dopo l’arrivo del bambino. Alcune donne non sono così fortunate: “Molte donne si ammalano di [tunnel carpale] se hanno ricevuto molti liquidi durante il parto”, dice Growse. “Se hanno avuto un’epidurale, se hanno avuto antibiotici per via endovenosa o fluidi per via endovenosa, usciranno dall’ospedale più gonfie di quando sono entrate”.

Neanche passare ore a cullare il tuo bambino sarà d’aiuto. “Si può ottenere [la sindrome del tunnel carpale] proprio da quella posizione, per non parlare dei fluidi, dove il polso è tutto rannicchiato con le dita”, dice Growse. “Oppure il nervo mediano viene compresso nel punto in cui esce dal collo e passa attraverso la spalla, soprattutto se c’è molta tensione e si tira in avanti nella spalla”. Ciao, allattamento al seno!

Lo stretching può aiutare a ridurre il tunnel carpale della gravidanza?

Lo stretching può assolutamente aiutare. Growse consiglia tre allungamenti per alleviare il dolore della sindrome del tunnel carpale:

  •  1. Metti il braccio teso davanti a te, con la faccia del palmo verso l’esterno, come se stessi dirigendo il traffico per fermarti. Con la mano opposta, tirare delicatamente all’indietro le dita, portando il dorso della mano verso il retro del polso.
  • 2. Mettete le mani in posizione di preghiera all’altezza del petto. Tenendo i palmi delle mani uniti, i gomiti in fuori, fate scivolare le mani avanti e indietro sul petto da un’ascella all’altra. Muovetevi delicatamente, e solo fino a quando sentite un leggero stiramento; fermatevi se c’è dolore.
  • 3.Tenendo il gomito piegato a 90 gradi e all’altezza delle spalle, appoggiate l’avambraccio su uno stipite, poi sporgetevi per tirare il braccio dietro di voi. Assicuratevi di tenere il braccio piegato, non dritto, che “metterà tensione al nervo, ed è il nervo che ha il problema”, dice Growse. Tieni premuto per 30 secondi fino a un minuto.

Quando dovrei chiedere un aiuto professionale per la sindrome del tunnel carpale?

Se non riesci a liberarti facilmente dall’intorpidimento, se ti disturba gravemente il sonno, se ti fa cadere le cose, se non riesci ad aprire i barattoli – o anche se hai solo delle domande – è il momento di chiedere aiuto, dice Growse. “Se quel nervo viene compresso abbastanza a lungo e abbastanza gravemente, il danno può diventare permanente”. Non è comune nella sindrome del tunnel carpale indotta dalla gravidanza, ma se uno dei sintomi più gravi persiste, potrebbe essere necessaria una terapia.